Sconfitta contro la capolista al Battaglia

Si torna subito in campo dopo il turno infrasettimanale di Sondrio, con i granata che affrontano in casa l’affascinante sfida contro la Pro Sesto.

Mister Petrone conferma quasi interamente la formazione che ha vinto la prima partita stagionale, con il solo cambio di Pellini al posto del capitano Scampini.

Rainero quindi tra i pali, Lombardi Capone, Vecchione, Rondelli, Ornaghi, Lattarulo, Pellini, Spinola, Specchia.

Partenza col botto per i granata con Spinola che tenta subito di sorprendere il portiere Tamma con un diagonale velenosissimo salvato all’aultimo.

I granata sono convincenti nei primi 10’ di gioco costringendo la Pro Sesto nella loro metà campo.

Condizioni metereologiche difficilissime per entrambe le formazioni con una pioggia battente che non aiuta a giocare di fino.

Le due squadre non riescono a produrre gioco e ne viene fuori una partita di contropiedi col gioco, non solo per il tempaccio, impantanato a centrocampo.

L’unica occasione degna di nota degli ospiti è un tiro da fuori di Gattoni ben controllato da Rainero.

La palla comunica a non rimbalzare, col campo al limite della praticabilità in alcune zone.

Bel tiro di Vecchione al 25’ con la palla che rimbalza leggermente sul campo infangato mettendo in difficoltà il portiere.

Partita dal ritmo basso, si segnala l’ammonizione di Giubilato della Pro Sesto al 30’ per un brutto fallo a centrocampo.

Al 32’ super tiro di Spinola da fuori area col portiere costretto ala deviazione last minute: occasionassima.

Dal calcio d’angolo, battuto da Pellini, ne nasce un cross splendido con Rondelli che manca di un nonnulla e con Ornaghi, in tuffo, che manda la palla alta sopra la traversa da posizione ravvicinata.

Spinola vuole sfondare la rete quest’oggi e al 36’ tenta ancora il tiro da fuori, stavolta centrale tra le braccia di Tamma.

Al 45’ però beffa atroce per il Milano City che va in svantaggio per un gol di Gattoni sugli sviluppi di un calcio di punizione di Scapuzzi.

E’ l’ultimo sussulto del primo tempo.

Ripresa che inizia senza cambi per entrambe le formazioni.

Milano City che sembra stordito dall’aver subito gol sul finire del primo tempo e non rientra in campo col piglio giusto. 

La Pro Sesto ne approfitta creando un paio di buone occasioni che Rainero è bravo a disinnescare.

Al 53’ gli ospiti riescono a concludere il loro affondo con lo 0-2 di Scapuzzo da un cross di Giubilato che pesca il capitano sestese nell’area piccola.

Mister Petrone decide di mettere mano ai cambi ed in due minuti mette in campo Sessa-Scampini-Dicillo per Lattarulo-Pellini-Lombardi.

Non sortisce effetti il triplo cambio con la Pro Sesto vicina allo 0-3 con Scapuzzi.

Il Milano City ha una reazione d’orgoglio con un calcio di punizione di Spinola che per poco non causa l’autogol della Pro Sesto.

La partita sembra comunque essersi spenta molto, con le due formazioni che stanche non riescono ad andare ad aggredire l’area avversaria.

Sessa inventa un cross da metà campo 68’ che quasi sorprende Tamma costringendolo al calcio d’angolo.

All’ 80’ Petrone si gioca la carta Tosolini per Ornaghi passando al 4-2-4. La mossa sembra funzionare con il Milano City in forcing completo tentando di recuperare lo svantaggio.

La Pro Sesto gioca solamente i contropiede a questo punto sfruttando gl inevitabili varchi che il modulo cosi offensivo lascia andando vicino al gol con Monni.

All’ 85’ vicinissimo al gol Tosolini che raccoglie un retropassaggio a centro area ma in mischia non riesce a convertire in rete.

I granata sono completamente proiettati in avanti con il solito Tosolini mina vagante.

L’arbitro concede cinque minuti di recupero, che sono insufficienti però ad evitare a sconfitta.

Sconfitta quindi per il Milano City che deve rimpiangere quei 15 minuti di follia a cavallo tra i due tempi.

Seguici sui social
Seguici sui social
Milano City Football Club srl | via Monte Napoleone, 8 - 20121 Milano | CF 92001580155 | PI 06480070157 | Privacy Policy & Credits